Ipotermia

Per Ipotermia si intende una diminuzione della temperatura centrale (tronco e cervello) inferiore ai 35°C.

  • Ipotermia lieve: <36°-34°C.
  • Ipotermia moderata: <34°-32°C.
  • Ipotermia Grave: <32°C.

Il nostro organismo mantiene la temperatura intorno ai 37°C. La temperatura corporea è un equilibrio tra produzione e perdita di calore. Se questi valori variano si attivano i meccanismi di termoregolazione per riportare i valori alla temperatura normale.
Le fasi dell’ipotermia:

  • Cosciente con brivido – temperatura centrale: 35-32°C.
  • Ridotta coscienza senza brivido – temperatura centrale: 32-28°C.
  • Incosciente – temperatura centrale: 28-24°C.
  • Morte apparente – temperatura centrale 24-13,7°C.
  • Morte – temperatura centrale <13,7°C.

Cosa fare

Chiamare subito i soccorsi al 112/118. Cerchiamo di alzare la temperatura corporea. Per farlo non bisogna massaggiare o sfregare il corpo, ma recarsi se possibile, in un ambiente caldo e asciutto, togliere gli indumenti bagnati e avvolgere il malcapitato in coperte asciutte (mantellina), coprendo anche la testa e lasciando scoperto solo il volto, evitare i movimenti eccessivi. Per riscaldarsi è possibile cercare di acquisire calore dalla vicinanza di un’altra persona, bere liquidi caldi e zuccherati solo se cosciente (no alcol) e tamponare con impacchi caldi (borse o bottiglie di acqua calda non vanno applicate a diretto contatto con il corpo), ma solo sul collo, sulla gabbia toracica o all’inguine, mai su gambe o braccia. Se il malcapitato è incosciente è fondamentale non muovere il corpo, per evitare che il sangue più caldo che si trova al centro dei corpo si mescoli con quello più freddo alla periferia (fenomeno dell’“after drop”) scatenando la fibrillazione ventricolare e l’arresto cardiaco.

Hai bisogno di aiuto?
Invia tramite WhatsApp
X